menu close menu

Rapporti tra C.O.N.I. e E.P.S.

Titolo I     - Regolamento per il riconoscimento ai fini sportivi 
  
Titolo II    - Regolamento per la determinazione e la concessione dei contributi

Titolo III  - Regolamento di amministrazione e contabilità


Approvato dal Consiglio Nazionale del C.O.N.I. con delibera n. 1200 del 1 Agosto 2001


TITOLO I

Art.1 - Definizione

Sono Enti di Promozione Sportiva (EPS) le Associazioni a livello nazionale,
nonché le Associazioni a livello regionale non riconosciuti già a livello nazionale,
che hanno per fine istituzionale la promozione e la organizzazione di attività
fisico-sportive con finalità ricreative e formative, e che svolgono le loro funzioni
nel rispetto dei principi, delle regole e delle competenze
del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI),
delle Federazioni Sportive Nazionali
e delle Discipline Sportive Associate.


TITOLO II
Art. 2 - Attività

Gli Enti di Promozione Sportiva promuovono e organizzano le seguenti attività:


A) Motorio - Sportive

     1) a carattere amatoriale, seppure con modalità competitive,
         con scopi di ricreazione, crescita, salute, maturazione personale e sociale;

     2) di formazione fisico-sportiva e di avviamento alla pratica sportiva,
         realizzate specie attraverso "centri di formazione fisico-sportiva"
         per tutte le fasce di età e categorie sociali.


B) Formative

     1) per gli EPS riconosciuti a livello nazionale, corsi e altre iniziative
         a carattere formativo per tecnici, arbitri, giudici di gara e altre figure
         similari di operatori sportivi, realizzati d'intesa con le
         Federazioni Sportive Nazionali o con le Discipline Sportive Associate,
         con la partecipazione di esperti/docenti delle Federazioni Sportive Nazionali,
         qualora l' E.P.S. desideri ottenere il riconoscimento di qualifica in ambito federale;

      2) per gli EPS riconosciuti su base regionale, corsi e altre iniziative a carattere formativo
          per tecnici, arbitri, giudici di gara e altre figure similari di operatori sportivi,
          realizzati di intesa con la Scuola Federale dello Sport del CONI competente per territorio
          (e con la Regione o Provincia autonoma di Trento o Bolzano).


C) Sussidiarie

      1) di cultura, di comunicazione, d'indagine e di ricerca,
          finalizzate alla promozione e alla diffusione della pratica sportiva;

      2) editoriali a carattere culturale, informativo e tecnico-didattico,
          finalizzate alla promozione e alla diffusione della pratica sportiva.


D) Agonismo

Le attività a carattere agonistico devono rispettare quanto sancito dai
Regolamenti Tecnici delle Federazioni Sportive Nazionali e/o
Discipline Sportive Associate per il miglior raggiungimento delle specifiche finalità.

I calendari delle manifestazioni provinciali, regionali, nazionali ed internazionali,
ove possibile, dovranno essere concordati.


TITOLO III
Art. 3 - Riconoscimento

Con riferimento ai requisiti di cui all'art.27 dello Statuo del CONI,
per ottenere il riconoscimento ai fini sportivi di Ente di Promozione Sportiva è necessario :

A) essere associazione non riconosciuta o riconosciuta ai sensi degli art.12 e ss.gg.
     del codice civile;

B) essere dotati di uno statuto conforme a quanto indicato che sia in armonia
     con i principi fondamentali del CONI e che stabilisca l'assenza di fini di lucro,
     garantendo l'osservanza del principio di democrazia interna e di pari opportunità;


C)

      1) per gli EPS riconosciuti a livello nazionale, avere un numero di Società
          o Associazioni Sportive Dilettantistiche, di cui all'art.90 della legge 289/2002,
          affiliate non inferiore a mille (la polisportiva ha la stessa valenza di una S/A),
          con un numero di iscritti non inferiore a centomila.

       2) per gli EPS riconosciuti su base regionale, avere un numero di Società
           o Associazioni Sportive Dilettantistiche, di cui all'art.90 della legge 289/2002,
           affiliate non inferiore a 3 per ognuna delle province presenti in regione,
           e con un numero di iscritti tesserati non inferiore a: 

           centomila X popolazione regionale
           ___________________________________
           popolazione nazionale 
          (la polisportiva ha la stessa valenza di una S/A) 
 
          in nessuna regione, qualunque sia il numero delle sue province,
          e nelle province autonome di Trento e Bolzano, il numero delle società
          potrà comunque essere inferiore a 20 ed il numro degli iscritti inferiore a 1000.


Al fine dei contenuti dei punti 1) e 2) della lettera C) del presente articolo:

sono considerati iscritti - utili ai fini del riconoscimento:

- i soggetti impegnati nell'attività sportiva, vale a dire i praticanti, i dirigenti, i tecnici,
  nonché altre figure similari di operatori sportivi, che abbiano con la Società
  o Associazione Sportiva Dilettantistica affiliata, o direttamente con l'Ente,
  un rapporto continuativo si sensi delle disposizioni contenute nel d.lg. 460/1997;

- le Società o Associazioni Sportive devono essere iscritte nel Registro
  di cui al comma 20 dell'art.90 della legge 289/2002.